Bullismo: scopri se tuo figlio è una vittima e che cosa fare

Il bullismo oggi ha assunto dimensioni davvero preoccupanti soprattutto per colpa della rete internet. Le prese in giro continuano anche fuori dalle scuola sugli smartphone e si parla quindi di cyber bullismo. Ci sono diversi sistemi che un genitore ha per capire se il figlio è una vittima: umore altalenante, crisi di pianto e / o rabbia, cambiamenti nelle abitudini alimentari, materiale scolastico perso e così via.

Vediamo ora che cosa si può fare concretamente per risolvere la situazione.

Cercare nuovi amici

I ragazzi che sono vittima di bullismo sono spesso da soli. L’isolamento sociale è infatti una conseguenza delle prese in giro. Gli altri ragazzi si allontanano da chi viene preso in giro per evitare di subire lo stesso.

Le amicizie sono importanti nella vita di un giovane e quindi è fondamentale cercare altri nuovi amici. L’idea migliore è iscrivere chi è vittima a un corso extra scolastico: musica, sport, etc. basta che si trovi lontano dal solito giro. Non devono, infatti, esserci i soliti compagni di scuola a questo corso perché altrimenti si ripeterebbero i soliti schemi di isolamento e prese in giro.

Trascorrere tempo di qualità in famiglia

Ai genitori che notano problematiche di questo tipo , ma anche agli altri, è consigliabile trascorre più tempo coni figli, possibilmente di qualità; cioè non andare al centro commerciale, per esempio. È indispensabile passare del tempo con i ragazzi che devono ritrovare la fiducia in sé stessi.

Promuovere percorsi scolastici ad hoc

Parlare con inseganti e dirigenti scolastici del problema del bullismo serve ben a poco. Gli inseganti faranno al solita ramanzina a tutta la classe, senza avere particolati risultati. Quello che i genitori possono fare davvero per migliorare la situazione a scuola è promuovere dei percorsi ad hoc con esperti e psicologici che parlino con i ragazzi.

Un percorso più strutturato è più efficacie nel risolvere queste problematiche che, purtroppo, sono presenti in tutte le scuole. Un consulto anche presso una valida agenzia investigativa Roma è altrettanto consigliato.